Anna Pizzati

Torna indietro

Un Viaggio/Pellegrinaggio

4.45 del mattino del 20 giugno 2015. Sono emozionatissima, pronta per partire verso il "Nuovo Continente".
Non si tratta di una semplice vacanza ma, molto più, di un viaggio/pellegrinaggio alla riscoperta delle origini mie e della mia famiglia. Le aspettative sono tante, ma la cosa che più attira di questa avventura è il desiderio di capire il più possibile cosa ha rappresentato la Missione in Ecuador per la mia famiglia.
È stato un susseguirsi infinito di incontri, scoperte e sorprese, ma soprattutto si è trattato di re-incontri e ri-scoperte. Perché la vera sorpresa è stata poter parlare con persone che di fatto già mi conoscevano. Ascoltare i racconti sulla mia famiglia, sull'impegno e il lavoro dei miei genitori è stato il regalo più bello di questo viaggio. Ho capito che probabilmente il segreto sta nell'essere ciò che si è, senza nascondere o velare l'essere famiglia, l'essere marito e moglie ma facendo il possiile per donare sé stessi, fino in fondo, senza riserve.
In particolare è stato importante l'incontro fatto con tante delle persone che sono passate per A.S.A nel tempo, fino ad oggi, poter rivivere un momento di convivialità e serenità, al di fuori delle logiche lavorative che intercorrono tra colleghi, ma in un'ottica ben più vera, che si fonda sulla passione comune e condivisa per il bene dell'altro, per lo spendersi in favore dell'altro.
Torno a casa con la consapevolezza del segno indelebile lasciato da loro e il desiderio nel cuore di poter lasciare un segno anch'io, così come tutte queste persone l'hanno lasciato in me.

Anna Pizzati Mira (VE)